0

Il colchico alpinoso

Il colchico alpinoso

Un gradito contributo di Mario Palmieri

Il Colchico alpino è presente e diffuso nella nostra regione ed è visibilissimo nei prati di Viceno e Foppiano. Appartiene alla famiglia delle Liliacee insieme con il gruppo dei Gigli e degli Asparagi. Fiorisce da agosto a settembre. Ha fiori solitari molto piccoli e foglie strette. Presenta un delicato colore rosato con una leggera sfumatura verso il viola.

Il colchico, il cui nome deriva dalla Colchide una regione dell’Asia Minore, è una pianta molto velenosa e la sua velenosità è dovuta alla colchicina, un alcaloide presente in tutta la pianta, ma soprattutto nei semi. Tale sostanza è usata anche come medicinale e gode antica fama di ottimo rimedio contro la gotta senza contare che recentemente le sono state riconosciute anche proprietà antiallergiche e antipruriginose.

Ultimamente si è scoperto che la colchicina può addirittura alterare i portatori dei caratteri ereditari, cioè l’apparato cromosomico delle piante in corso di sviluppo provocandone un rallentamento della crescita in lunghezza e un vistoso accrescimento in larghezza. Per queste caratteristiche per parecchio tempo si è sperato che tale sostanza potesse, addirittura, essere utile contro i tumori maligni. Ma è stata, purtroppo, una pura illusione.

L’ EPILOBIO MONTANO