0

A Don Lorenzo Dresco – Traslazione

A Don Lorenzo Dresco – Traslazione

TRASLAZIONE

A Don Lorenzo Dresco

Ti troverai più bene qui

nella chiesa venuta su

dalla nuda roccia

per le tue mani callose

di scalpellino di Dio,

consacrata dal sangue di tue flagellazioni,

bene custodita da lunghe tue veglie

quando di notte la montagna tace

ma canta il Toce,

giù, negli orridi bui di Uriezzo.                        

                                                                     Don Lorenzo Dresco, il nascondimento fu sempre il tuo anelito.

                                                                     Ora, accanto al cuore

                                                                     fiorirà la preghiera

                                                                     vicina al tuo Signore,

                                                                     tu oscuro e grande parroco di Crego.

Ti troverai più bene qui

che in quella balza, lontana,

dove tutti i venti rubano

le voci degli uomini,

sovente troppo smemorati

d’ogni nascosta grandezza.

                                                                      Don Remigio Biancossi – tratto da “Fiori di roccia ossolana e oltre” – 1988